Al “Surì”, la tavola è da sempre un piacere…

e non poteva essere diversamente, con una cuoca di eccellenza come la...Mamma!!!

 

 

 

La cuoca del “Surì”, è la Mamma, che è già una garanzia di cucina familiare e preparata con Amore, ma in più, una mamma Emiliana! (Emilia…terra di Agnolotti, Tortellini, Ragù,Tagliatelle...e chi più ne ha più ne metta…),che ha ulteriormente arricchito il suo bagaglio culinario, imparando i segreti della cucina piemontese, direttamente dagli antichi libri di ricette di famiglia,gelosamente custoditi nel tempo.

 

 

 

Ecco qui alcuni dei suoi manicaretti…per scoprire gli altri, dovete venire al “Surì”!!!

 

 

Le Ricette del “Surì”

 

Bagnacauda per 4-5 persone

 

 

 

 

 

 

Ingredienti:

  • 200-250 gr. Di olio extra vergine d’oliva),
  • 50 gr. burro, 100 gr. acciughe sotto sale (ripulite sfregandole con carta da cucina e lavate in aceto e vino bianco),

  • 4 spicchi d’aglio.

  • 1/4 di latte

Procedimento:

Mettete in un tegame di terracotta e a fuoco lento, l’olio, il burro e le acciughe;  muovetele con un cucchiaio di legno sino a farle sciogliere.

Tritate quattro spicchi d’aglio e immergili per un paio d’ore nel latte (serve a smorzare il gusto dell’aglio e a facilitarne la digestione) . Toglietegli spicchi d’aglio e unitele alle acciughe, badando che entrambi si sciolgano bene

Tagliate il cardo e affinché si conservi bianco è bene mettete nell’acqua nella quale lo si lava, alcune fettine di limone) e i peperoni. Questi sono i due ortaggi principi della bagna cauda. Meglio se il cardo è quello di Nizza Monferrato e i peperoni di Carmagnola,  di Isola o di Motta di Costigliole d’Asti.

In questi ultimi anni alla bagna cauda si accompagnano numerose altre verdure tagliate a pezzetti quali carotine e patate appena lessate, sedano bianco, topinambour, finocchio tagliato sottile, cavolfiore lessato e chi più ne ha, più ne metta. Naturalmente la bagna cauda dev’essere sempre abbondante e tenuta al caldo con gli appositi fornelletti.

 

Giardiniera piemontese

 

 

 

 

 

 

Ingredienti:

  • 10 kg. di pomodori (metà perini e metà tondi).1 kg.  Fagiolini.
  • kg. Cavolfiore.
  • 1 kg. cipolline d’Ivrea.
  • 1 kg. peperoni (vari colori).
  • 1 kg. Sedano.
  • 1 kg. Carote.
  • 2 kg. Melanzane.
  • 1 manciata di fagioli borlotti.
  • un mazzetto di basilico.

Procedimento 

La verdura si lava e si asciuga.

Si inizia con il preparare la conserva, facendo bollire per circa un’ora i pomodori e il mazzetto di basilico.

Quando la conserva bolle, mettere per prima le carote ed i fagioli e passati 5 minuti, aggiungere ogni 5 minuti tutte le verdure lavate e tagliate a pezzetti.

Mettere 8 cucchiai di sale e 8 di zucchero, 1 cucchiaio di aceto bianco e 4 bicchieri di olio evo (extra vergine d’oliva).

Fate bollire ancora una decina di minuti e riempite subito i vasetti con la giardiniera bollente. Sigillateli bene, capovolgeteli  (per sterilizzare anche il tappo) e copriteli con una coperta. Lasciateli riposare sino a completo raffreddamento.

 

Composta di ortaggi denominata “Buon Appetito”

 Ingredienti

  • 2 Kg. di pomodori pelati occorrono
  • 300 gr. Fagiolini, 
  • 300 gr.carote, 300 gr.sedano
  • 300 gr. Cavolfiori
  • 300 gr.peperoni.
  • 300 gr. Cipolle.

 

Procedimento 

Si inizia con il preparare la conserva, facendo bollire per circa un’ora i pomodori; quando la conserva bolle, mettere per prima le carote ed i fagioli e passati 5 minuti, aggiungere ogni 5 minuti tutte le verdure lavate e tagliate a pezzetti.

In seguito, a freddo aggiungere 300 gr. di tonno e in egual misura olive nere denocciolate e cetriolini tagliati a rondelle e funghetti sott’olio.

Sterilizzare i barattoli dopo averli strettamente sigillati e farli bollire in pentola oltre venti minuti. Lasciarli raffreddare nella stessa acqua.

 

Pere al Cioccolato

Ingredienti: (Dosi per 2 persone).

  • 1 pera kaiser o abate (pere asciutte, non per troppo succose, o troppo mature).
  • 20 g di burro
  • 25 g di cioccolato fondente 50%.
  • 1/2 bicchiere di acqua (50 ml).

Procedimento Dopo che la panna cotta è raffreddata, con un coltello rifilate i bordi interni del contenitore e gira. Se non venisse subito giù bagnate con un tovagliolo imbevuto di acqua molto calda la base capovolta del contenitore. Note: assaggiate la panna cotta prima e dopo aver messo il rum, vi accorgerete che prima sentirete tutti gli aromi della panna, anche quello di selvatico e di erba, invece dopo il rum gli aromi che possono risultare per alcuni sgradevoli spariscono. Se avete fretta di far raffreddare il composto, preparate un bagno maria di acqua fredda nel lavandino e cambioate spesso l’acqua. Quando è a temperatura ambiente mettete in frigo. Sempre per velocizzare il processo di gelificazione, riducete la dimensione dei contenitori, più sono piccoli più raffredderanno prima.

Se desiderate preparare una bavarese, sostituite fino a 1/3 del peso della panna con un frullato (acidulo con un poco di limone) di frutta, come lamponi, banane, fragole

Buon Appetito a Tutti!!!